La chiamano Valpo (the end).

Dopo quattro giorni in compagnia di Davide e Alejandra a base di asado e pisco sour, il Grande Viaggio Invernale inizia ad essere agli sgoccioli. Con loro giriamo nei dintorni, visitando la cittadina di Frutillar, andando a fare rafting nel Rio Petrohue e a zonzo nel mercato locale di Puerto Montt, dove, vicino al reparto della pescheria, vediamo anche…i leoni marini! Abituati agli esseri umani e in attesa di scarti succulenti, questi bestioni se la spassavano allegramente a pochi metri da noi, rinfrescandosi nell’acqua bassa.

A quel punto manca ci manca circa una settimana dalla partenza per l’Italia e così cerchiamo di risalire in fretta. Dopo una breve tappa a Villarrica, dove facciamo il bagno nel lago vulcanico e ci scottiamo la schiena sotto il sole, approdiamo in bus a Valparaiso una mattina grigia e piovosa. Seduti alla stazione degli autobus prenotiamo un ostello per la notte, il delizioso Los Gaviotines in zona Cerro Alegre, e ci presentiamo alla sua porta alle 9 del mattino. Ci apre il proprietario con gli occhi pieni di sonno, chiaramente l’abbiamo tirato giù dal letto, e ci mostra la nostra stanza. Siamo affamati e invogliati ad uscire, nonostante il meteo continui a cambiare tra pioggia nuvole e sole, e quindi posiamo gli zaini e usciamo!

Valparaiso è una città portuale importantissima ma, per i turisti, è più nota per le funicolari e le colorate case in cima alle colline, i cerro che vengono segnalati nelle cartine della città. Ma non solo, infatti per gli appassionati di letteratura sudamericana qui si trova La Sebastiana, l’ex residenza del poeta cileno Pablo Neruda e oggi museo ufficiale dell’autore. Ma quello che tutti sanno di Valparaiso è che i suoi bei quartierini sui cerros sono variopinti, non solo per via delle case, ma soprattutto per gli innumerevoli murales dipinti qua e là. Il bello qui, è proprio lasciarsi guidare dai colori, seguendo strade ripide e scalinate da torcicollo, e arrampicarsi sulla collina per guardare le funicolari partire dal “pianterreno” con Plaza Sotomayor e il porto e risalire fino al Museo a Cielo Abierto, o al Cimitero dei Dissidenti, o ancora alla vecchia prigione ora centro culturale, piena di dipinti, alberi e frescura.

Non ci sono tour da seguire, qui a Valpo, perché il modo migliore per visitarla è perdersi di cerro in cerro alla ricerca della via giusta. E’ impossibile scovare ed elencarvi tutti i murales della città ma alcuni, quelli dell’artista cileno Inti, sono ben visibili dall’alto dato che sono dipinti sui grattacieli e quindi godibili solo da una certa distanza. Il nostro suggerimento (che a dire il vero per noi è valido per ogni città) è di ciondolare tra i Cerro Concepcion e Alegre, due dei cerros più vivaci culturalmente, facendovi guidare da colori, suoni…e profumi! La cucina locale, infatti, è rinomata: pare che qui ci sia il pesce più buono del Cile!

Ogni muro ed ogni sasso sono dipinti, colorati, decorati, e il governo continua a promuovere iniziative dedicate alla street art conscio che è ciò che più di tutto attira i turisti nella magica Valpo. E così Valparaiso è diventata il punto di riferimento degli artisti e dei creativi. E proprio la scritta “we are not hippies, we are happies”, vista all’inizio del nostro vagabondaggio e che nasce da un gioco di parole tra hippie e happy – felice -, sembra il motto della città, il luogo perfetto dove perdersi per qualche giorno, dimenticandosi dei problemi e immergendosi nei colori.

Dopo Valpo, il nostro Grande Viaggio Invernale finisce a Santiago, dove prendiamo il volo (anzi i tre voli) di ritorno. E’ stato, anche questo, una grande scoperta e sempre di più ci rendiamo conto di quanto siamo fortunati a poter viaggiare così!

3 commenti Aggiungi il tuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...