Ci piace la lentezza.

Ma alla fine, che si vada a pagaiare o no, quello che ci piace dei nostri viaggi è la lentezza. Il VanRooster non corre troppo e quindi, alla velocità di 90km/h, possiamo goderci davvero quello che ci circonda. Che sia il paesino di montagna, i quartieri di una cittadella decorata a festa, o le more pescate lungo un sentiero. Il significato dei nostri viaggi è prenderci il tempo che ci serve per apprezzare il paesaggio e goderci il momento.

E’ viaggiando così che, mentre guidiamo alla ricerca di sorgenti d’acqua per rinfrescarci dopo una giornata calda, ci capita di passare nel paesello di Les Oseriettes (chissà se l’ho scritto giusto) e di trovare la più buona boulangerie del mondo.

P1030517

Uno sguardo che coglie il lampeggiare di un forno a legna, una domanda, “ci fermiamo?”, ed è subito stop per merenda e due passi. I panni sbattono al vento appesi ai terrazzi di vecchie case e ci arriva il profumo della legna bruciata. Entriamo e siamo sommersi dal pane: pane ovunque, di mais, integrale, bianco, dolce, salato, con le olive. La farina ricopre ogni cosa e lo scoppiettare del fuoco ci accoglie subito con calore. Scegliamo una metà di pane nero e una schiacciata alle olive. Tempo di uscire, e di dare un morso, che subito torniamo dentro a comprarne altro: mangiamo due schiacciate seduti sulle panchine della piazzetta, in silenzio, godendoci la bontà della cucina casalinga.

E ci chiediamo, sarebbe mai successo di fermarci qui se avessimo scelto l’autostrada invece delle strade secondarie? Se avessimo avuto un’auto scattante invece del nostro Van?

P1030532

Certamente è il guidatore che decide la velocità di crociera, ma credo che anche il mezzo faccia la differenza. Il VanRooster sta dappertutto, va ovunque e contiene tutto quello che ci serve. E’ una splendida vecchia astronave in grado di accompagnarci in un lento viaggio alla scoperta del mondo, vicino o lontano, regalandoci piccole perle lungo il percorso. E anche se i packraft rimangono ripiegati sotto i sedili, non ci dispiace avere il resto dello spazio per stendere le gambe e allungarci mentre giochiamo a carte, in attesa che arrivi il fresco della sera.

Uno sguardo in alto, verso il finestrino sul tetto, e dalla nostra postazione nei sacchi a pelo vediamo alberi, nuvole, a volte il baluginare di qualche stella.

Stiamo bene.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: