Maestosa come la Val Maira.

Uno dei luoghi che più ha saputo trasmettermi la grandiosità della montagna è la Val Maira. Valle alpina situata nel cuneese e ancora molto selvaggia ed incontaminata, è stata la meta delle nostre vacanze estive del 2016, tra camminate, notti nei rifugi e piogge improvvise. Con i suoi paesaggi brulli e la gola strettissima che accoglie i turisti, la Valle Maira chiarisce subito la sua natura “montagnosa”, aspra ma estremamente vitale.

Roccabruna, Dronero, Acceglio…questi alcuni dei nomi più noti della Valle: grandi cittadine, piacevoli e circondate dalle montagne. Acceglio è l’ultimo grande comune della valle ed è lì che noi ci siamo fermati in vacanza, esplorando i paesini circostanti attraverso numerosi percorsi di trekking: ad esempio Chiappera, dove ci siamo fermati in uno splendido agriturismo; o Elva, dove abbiamo iniziato un sentiero che avrebbe dovuto portarci attraverso vecchi borghi abbandonati e che invece ci ha fatto scendere di km in mezzo a un bosco rigogliosissimo fino a Cucchiales. Lì, girovagando ormai senza più orientamento, un gruppo di amabili signori del posto ci ha offerto gelato e chinotto sul balcone di casa, spiegandoci che eravamo ben lontani dal percorso e facendoci passare due splendide orette in compagnia, prima di riportarci in auto a destinazione.

E’ in Val Maira che abbiamo conosciuto il Castelmagno, formaggio forte e squisito, che abbiamo mangiato con il lardo della valle e che, insieme, ci hanno ristorato durante le gite (e anche alla fine di queste, quando non ci facevamo mai mancare un bel piatto di prodotti locali e una birra fredda). Per non parlare dell’osteria di Marmora, altro borgo stupendo, che ci ha sfornato una pizza Castelmagno e cipolle che ancora ci sogniamo la notte!

Il territorio della Val Maira, confinante con la Francia – non a caso si parla ancora la lingua Occitana – è percorso da una grandissima rete di sentieri escursionistici, adatti a tutti i camminatori. Le Alpi Occidentali osservano i turisti dall’alto, incombendo maestose e imponenti, aprendosi in scenari panoramici molto suggestivi. Quando, dopo un acquazzone, si alza la bruma tra gli alberi ammantando le cime appuntite, una stretta al cuore ci rende chiaro quanto sia davvero fuori dal mondo questa timida valle al limite occidentale del Piemonte. Chiusa, nascosta, protetta.

Una valle da scoprire.

4 risposte a "Maestosa come la Val Maira."

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: