Cosa metto nello zaino? La mia top 5!

Tra venti giorni partirò per la Nuova Zelanda per raggiungere il mio fidanzato, che è là da qualche mese per lavoro. Insieme viaggeremo per 40 giorni lungo tutta l’Isola del Sud – e magari anche quella del Nord! Ovviamente per più di un mese di viaggio serve un signor bagaglio, ma se leggete questo articolo in cui parlo della mia passata esperienza in Vietnam e Cambogia allora sapete che certe cose non mi spaventano! Ma più che la valigia con i cambi per un mese, c’è una cosa che dev’essere ragionata a fondo: lo zaino! Ecco che quindi colgo al volo la nomination del blog di Anna per parlare della mia top 5 da viaggio: i cinque oggetti che non possono mai mancare in un viaggio zaino in spalla!

PS: si tratta di una gear list molto personale e molto poco professionale. Trekking da uno o più giorni richiedono ben altre attrezzature, così come un viaggio più comodo ha bisogno di un altro tipo di valigie. Tuttavia trovo che queste cinque cose (+1) siano spesso utili sia in un caso che nell’altro.

PPS: le mutande sono ovviamente sottintese!

1 – UNA FOTOCAMERA:

DSC02744

di professione sono ottica e fotografa, quindi il mio primo must have è la fotocamera. La mia prima macchina (ora in vendita) è stata la Panasonic DMC-LF1: piccolissima e performante, mi ha accompagnata un po’ dappertutto. Ma il desiderio di avere qualcosa di qualità diversa mi ronzava in testa da un anno e così sono passata alla mirrorless Panasonic GX8 con obiettivo 14-140. Più grossa, visto il cannone che ci ho montato sopra, ma sempre leggera, è l’ideale per i viaggi: permette di fare scatti stupendi senza avere il peso e l’ingombro di una reflex. Simone invece è soddisfatissimo con la sua Sony HX90, una compatta professionale che scatta a 300 punti per pollice e con zoom ottico 30x. Non è un caso se ha sempre la Sony in mano!

2 – UN MATERASSINO:

che sia per dormirci (come in foto) o semplicemente per sedersi a riposare durante un trekking, stendendocisi sopra in riva a un lago alpino, il materassino è il mio secondo must – have. Io e Simone usiamo lo Z-Lite ripiegabile in schiuma a cellule chiuse; uno dei due lati e in materiale termico, ideale per le notti all’addiaccio. Un’economica alternativa è il classico materassino da yoga: il mio è stato usato un sacco durante i primi trekking, e persino al mare sugli scogli, e ora è stato tagliato a metà, trasformandosi in una piccola seduta della dimensione di una persona accovacciata con le gambe piegate.

3 – UN SACCO A PELO:

con il sintetico andate sul sicuro, costano poco e scaldano tanto. Noi però usiamo Cumulus: il mio è il Panyam (in rosso), quello di Simone è il LiteLine (in verde). Hanno l’imbottitura in piuma, tengono caldissimo e diventano piccoli piccoli! Io ci ho dormito in mutande in un bivacco a 3mila metri, sudando mentre i miei amici battevano i denti, e ci ho dormito all’aperto in una notte con un vento tale da staccare i picchetti della nostra tenda – senza accorgermi di niente. Una pacchia! Il sacco a pelo è perfetto anche quando in viaggio non siete sicuri dell’igiene dei luoghi in cui dormirete, ad esempio in Vietnam e Cambogia ci sono state un paio di occasioni in cui i nostri Cumulus ci hanno salvati da lenzuola poco pulite!

4 – UN GUSCIO:

P1000096

Simone si distingue sempre nelle mie foto per via del suo stupendo guscio anti-vento e anti-pioggia celeste, che lo protegge dall’aria gelida e dagli scrosci d’acqua improvvisa. Che sia tra le rocce di un ghiaione o tra gli alberi di un lariceto, il suo guscio azzurro spicca sempre come un semaforo; io lo vedo lì, davanti a me, e lo seguo – dopo averlo fotografato, ovviamente. Il suo passo scandisce le nostre camminate e il suo guscio è motivo di grande invidia da parte mia quando è tempo di tirarlo fuori dagli zaini! E’ leggero, impalpabile ma resistente a tutto e di ottima fattura; ben altra cosa rispetto al mio nero e tristissimo comprato in Vietnam a Sapa…

5 – UNA SACCA STAGNA:

la sacca stagna è letteralmente un sacchetto waterproof che si infila dentro lo zaino per proteggere il contenuto dalla pioggia. Ci sono tanti modelli diversi, oltre che diversi litraggi e sono perfetti per ogni genere di viaggio! Alle prime gocce di pioggia si apre la sacca e via, si mette tutto al sicuro; è una protezione in più che trovo indispensabile in molti viaggi. C’è anche chi usa due sacche nello stesso zaino: una per gli abiti puliti e una per quelli sporchi – altra idea furba in caso di viaggio zaino in spalla. Ma non solo: esistono anche buste di plastica spessa nelle quali infilare cellulare (e continuare ad usarlo!) o macchina fotografica; insomma, l’importante è avere tutto al riparo!

+1 EXTRA: IL KINDLE

FB_IMG_1509106136154

io leggo, leggo tantissimo. Ma quando il bagaglio è piccolo non posso certo portami dietro troppi libri, occuperebbero metà del mio zaino, per non parlare del peso! In Vietnam e Cambogia ho patito così tanto l’assenza di un libro da leggere da capo a fondo le due guide di viaggio, imparandole a memoria. Così, in vista del volo transcontinentale in solitaria, Simone mi ha regalato il Kindle Voyager! Lo so, non è la stessa cosa che leggere un libro di carta, lo dicevo anche io. Ma il Kindle è davvero bello e maneggevole, ed è la soluzione perfetta per chi non vuole rinunciare alla lettura in viaggio. Lo schermo riproduce esattamente la pagina fisica, tant’è che a volte quando lo sfioro mi aspetto di sentire il crepitare della carta! Il mio, poi, è ultraleggero e dentro è già pieno di libri…il volo è lungo e il Kindle mi terrà sicuramente compagnia!

Per continuare la catena nomino: Martina di Lovers in the world, Tanja di Ultimate Detours e Stefania di Let’s go sunshine!

9 risposte a "Cosa metto nello zaino? La mia top 5!"

Add yours

  1. Io tra i primi cinque , al.terzo posto per l’esattezza, ci metto una piccola caffettiera da due tazzine della moka , un mito!
    Per il libro ti comprendo, fantastico il guscio azzurro, il mio è arancione rancido ( marmellata di zucca ) fa pendant con ul.maltempo…

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: