Viaggi d’inverno e nuove esperienze

Era settembre scorso quando ne abbiamo parlato per la prima volta. Degli amici volevano andare in vacanza a dicembre in Vietnam e ci avevano invitati. Che meraviglia, andiamo!, ho detto. Da quella semplicissima risposta il progetto ha preso vita in fretta: dalle due settimane a cavallo tra dicembre e gennaio, siamo passati alle quattro io e il mio ragazzo, prima in compagnia degli amici e poi da soli, in giro per tutto il Vietnam e – data la vicinanza – la Cambogia. Quei tre mesi mancanti alla partenza li abbiamo passati a prepararci. Avevamo gli zaini, avevamo i sacchi a pelo, i pantaloni da trekking modulabili e le camicie fresche di lino. I beauty da viaggio, le reti antizanzare e i marsupi antiscippo; i taccuini per appuntarci luoghi, liste e appunti; i documenti pronti.

IMG-20170112-WA0008

Una sola cosa mi infastidiva in tutta questa organizzazione. Che nessuna delle persone alle quali dicevo di stare per partire, mi credesse capace di viaggiare “backpacking”, zaino a spalle.

 

Chiariamo alcune cose. Ho sempre viaggiato abbastanza “comoda” né ho mai avuto esperienze di viaggi all’avventura; non solo, mi piacciono i tacchi e i bei vestiti. Ma ridurmi alle mie gonne e ai miei stivali mi sembra ingiusto. Sono una donna adulta che sta scoprendo quante belle cose ci sono al di là della propria valigia con le rotelle. Che male c’è in questo? In molti mi hanno ripetuto che non si sarebbero mai aspettati che io fossi una persona “da zaino a spalle”: bene, mi piace sempre allontanarmi da quello che pensa la gente, e credo di esserci finalmente riuscita.

P1020964

Al di là delle perplessità, le domande erano comunque lecite. Non avevo mai fatto nulla di simile prima. Si, avevo sempre viaggiato, si ero stata in aereo da sola, si sono sempre stata abbastanza indipendente e mi sembra di avere una mentalità aperta per quel che riguarda le nuove esperienze. Ma come mi sentivo in merito a questa avventura, avevo paura?

La risposta era sempre la stessa: per niente.

 

e ora…

Scrivere e fotografare sono passioni che mi accompagnano da tempo. Il taccuino che ho portato in viaggio è pieno zeppo di impressioni scritte e così sono stata felicissima di poter collaborare con un sito di outdoor al femminile, scrivendo la storia di come questo viaggio ha cambiato il mio modo di vedere le cose. E’ stato facile unire ricordi e dettagli scritti nell’articolo – un po’ meno facile è stato scriverlo in inglese, ma insomma, ce l’ho fatta. Il sito si chiama Blisters And Bliss è ora ufficialmente live. Leggete la storia completa qui:

https://blistersandbliss.co/backpacking-southeast-asia-changed/

 

4 risposte a "Viaggi d’inverno e nuove esperienze"

Add yours

    1. Siamo fortunati! Io ho un negozio di mia proprietà e quindi posso decidere come e quando viaggiare, il mio ragazzo lavora in un vigneto: d’inverno c’è poco o niente da fare e il suo capo gli lascia uno o due mesi liberi a seconda delle necessità.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: